Perugia nelle tue mani: una visita guidata fuori dagli schemi.

by ambra

Abito Perugia fin da quando, per frequentare l’Università mi ci sono trasferita , innamorandomene al punto da non volerla più lasciare.

Fare la guida nella città che amo non potrà mai, per me, diventare una routine ma sarà piuttosto, sempre, una vera e propria condivisione: voglio che chi si affida a me per scoprire Perugia deve cogliere tutta la sua bellezza e quel fascino che mi hanno incantato.

Nella scelta del mio itinerario cerco sempre di uscire dai soliti percorsi andando oltre i limiti dell’acropoli, sicuramente non fermandomi solo a corso Vannucci.

Il mio obbiettivo è di offrire di Perugia un’immagine che si può guardare da molteplici punti di vista in modo tale che chi si lascia guidare da me possa partire con la sensazione di averla compresa, abbracciata con lo sguardo e tenuta in pugno.

Mi piace, guardare il panorama da Porta Sole verso i Quartieri medievali che come dita si allontanano dal centro, immersi nel verde… e poi scendere, spingendomi fino al Borgo Sant’Angelo e al “Tempietto”, per poi risalire dall’acquedotto.

È solo così che si riesce a cogliere l’imponenza dell’acropoli che dalle mura Etrusche trae slancio e risalto.

Vista da “via del Fagiano” si riesce quasi ad immaginare cosa poteva essere il progetto della città antica, quello del III secolo a.C. e si coglie, in una vista d’insieme, l’armonia di un organismo urbano che attraverso la storia si è strutturata nel migliore dei modi possibili!

You may also like